Copertina Libro

Il panettone, prodotto assolutamente unico, nasce come tanti altri dolci di ricorrenza, pani arricchiti da gustare nel giorno di Natale, per marcare la sacralità della festa. Le sue origini si perdono nella notte dei tempi. La prima testimonianza scritta risale agli anni settanta del quindicesimo secolo. Si tratta di un manoscritto di Giorgio Valagussa, precettore di casa Sforza, nel quale si riporta una conversazione tra lui e i suoi discepoli, che descrivono il rito del ciocco del 24 dicembre.

Durante la cerimonia, il pater familias sistemava un grosso ceppo di legno nel camino e affettava tre grandi pani di frumento, porgendone una fetta ad ogni membro della famiglia. I giovani Sforza, aggiunge il Valagussa, non avevano idea di quando fosse cominciata questa consuetudine, il che fa supporre un’origine molto anteriore. Altre fonti sostengono che usanze analoghe fossero diffuse anche in altri luoghi d’Europa. Certamente, un dolce come quello di Milano non si è sviluppato in nessun’altra città.

La sua caratteristica precipua è la doppia o tripla lievitazione, realizzata con lievito madre. La magia dell’impasto vivo, che si rigenera tendenzialmente in eterno, se trattato con cura, è alla base dell’inimitabile aspetto del suo interno. Al di là del colore giallo carico dovuto al burro e ai tuorli d’uovo, al di là delle macchie di colore arancio, verde e bruno di canditi e uvette, sono soprattutto le ampie occhiature irregolari che lo distinguono da altre preparazioni. Per saperne di più, è utile la lettura de Il panettone, libro di Stanislao Porzio all’origine dell’evento Re Panettone.

Il libro è stato premiato al Gourmet World Cookbook Award
1° luglio 2009, La Comédie Française, Parigi
Second Best Bread Book in the World / Secondo classificato miglior Libro sul Pane al mondo


Per chiamarsi “panettone”, un dolce deve soddisfare diversi requisiti che riguardano gli ingredienti e la ricetta.

Esistono tre normative che li regolano:

Il Decreto Ministeriale del 22 luglio 2005, pubblicato nella G.U. n. 177 del 1° agosto 2005.
Emanata di concerto dal Ministro delle Attività Produttive e da quello delle Politiche Agricole e Forestali, è la normativa più importante, essendo una legge dello Stato, valida sia per gli artigiani, sia per gli industriali.

Il Disciplinare di produzione del “Panettone tipico della tradizione artigiana milanese”, approvato dal Comitato Tecnico dei Maestri Pasticcieri Milanesi nel settembre 2003.
Vi aderiscono numerosi pasticcieri di Milano e provincia.

La Scheda allegata alla delibera P.G. 1034992/2007 avente per oggetto: Riconoscimento “De.Co.” (Denominazione Comunale) ai prodotti gastronomici tradizionali milanesi “panettone”, “michetta”, “cassoeula”, “risotto alla milanese” e “ossobuco”, di cui fa parte integrante, composta da quattro pagine.
È una norma relativamente giovane, nata da un’idea di Luigi Veronelli e sostenuta dal Consigliere Verde Maurizio Baruffi, con la mozione del 16 novembre 2006.

Free Joomla! template by Age Themes

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie puoi visitare la sezione Privacy e Cookie.