C’era una volta un re.

Tutti lo conoscevano, tutti lo amavano, ma pochissimi sapevano che fosse un re. Finché un giorno, la città che tanti anni prima lui aveva lasciato per conquistare il mondo si ricordò chi lui fosse veramente. Da allora, i suoi concittadini organizzarono ogni anno una festa per celebrare la sua grandezza, che da quel momento nessuno mise mai più in dubbio.


In termini meno fiabeschi, gli scopi dell’evento sono:

Far sapere al pubblico più vasto possibile a quali vette di eccellenza può arrivare il panettone, dolce notissimo nella sua versione industriale, ma mai abbastanza nelle migliori fra quelle artigianali o semi-artigianali;

Ribadire le origini milanesi del panettone, dolce che ha conquistato l’Italia e non solo, diventando un simbolo del Natale e un fenomeno culturale che va oltre la sfera del cibo;

Affermare che la città di Milano e i suoi abitanti restano il punto di riferimento cruciale per tutti i pasticcieri che si cimentano nel panettone. Perché se il panettone artigianale viene realizzato in maniera impeccabile non solo a Milano, ma ormai anche lontano dalla sua area d’origine, gli abitanti di Milano restano i giudici più titolati per decretare le eccellenze;

Diffondere ovunque la cultura del panettone, massima espressione della gastronomia milanese;

Alimentare il mito del panettone; sia in senso materiale, facendone conoscere le migliori espressioni al pubblico nazionale e internazionale, generando competizione e stimolando la creatività fra i suoi creatori; sia come metadiscorso, suscitando opinioni, idee, produzione culturale.

Free Joomla! template by Age Themes

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie puoi visitare la sezione Privacy e Cookie.